Sigaretta elettronica VS Sigaretta convenzionale: I risultati sono molto simili!

7dc9b6da5330014a74a6213ff8aa621e-kQ7-U10402279545280XcB-700x394@LaStampa.it

La sigaretta elettronica (anche detta e-cigarette o e-cig) è un dispositivo elettronico nato con l’obiettivo di fornire un’alternativa al consumo di tabacchi lavorati (sigarette, sigari e pipe) che ricalchi le mimiche e le percezioni sensoriali di questi ultimi.

Il funzionamento prevede l’inalazione di una soluzione a base di acqua, glicole propilenico, glicerolo.

Quando l’utilizzatore inala attraverso il filtro, il flusso d’aria viene individuato da un sensore presente nella batteria che così viene attivata. Questa una volta attivata alimenta il vaporizzatore (cartomizzatore) che riscalda la soluzione liquida, contenuta in una cartuccia presente nel “filtro” o in un apposito serbatoio, denominato “Tank”, che provvede a inumidire un avvolgimento ad archetto presente sulla sommità del cartomizzatore stesso. Il vapore generato viene così inalato dall’utilizzatore, che ne trarrà la sensazione anche visiva di fumare una sigaretta di tabacco.Affinché questa sensazione sia quanto più verosimile, durante l’inalazione si accende un led di colore rosso scuro posto all’altra estremità del dispositivo, simulando così anche il tipico colore rosso della combustione di una tradizionale sigaretta.

Un gruppo di topi è stato sottoposto a doppio trattamento, prima con sigaretta elettronica e poi con sigaretta convenzionale, assumendo quantità di nicotina analoghe a quelle assunte da un fumatore nell’arco di due mesi; ne è emerso che, sia per quanto riguarda la nicotina sia per quanto riguarda la dipendenza generata, i risultati sono molto simili. Una differenza, rilevata attraverso i test comportamentali, riguarda l’astinenza acuta che è più forte nel caso di fumo normale; anche il deficit cognitivo è minore nel caso di sigaretta elettronica.

Questo, secondo i ricercatori, sta ad indicare la presenza di composti non ancora identificati, oltre naturalmente alla nicotina, presenti in entrambe le tipologie di sigaretta: sostanze aggiunte rispetto alle quale non ci sono indicazioni e per le quali, invece, andrebbero disposti controlli, regolamenti e probabilmente restrizioni.

Quindi, per il momento, non si può parlare della sigaretta elettronica come di una vera alternativa al fumo convenzionale, data l’evidenza di pericoli per la salute ancora ignoti. Tutto ciò, tra l’altro, senza dimenticare che la nicotina è tutt’altro che benefica per il nostro organismo.

 

 

I commenti sono chiusi.